Call: 0123456789 | Email: info@example.com

Moncler Shop Wien


L’indebitamento finanziario netto è aumentato a 84,9 milioni dai 49,6 milioni di fine 2015, ma è calato rispetto ai 175,3 milioni di giugno 2015. Remo Ruffini In una situazione generale complessa per il settore dei beni di lusso, Moncler ha, infatti, registrato una crescita delle vendite a doppia cifra (+17%), con performance positive in tutti i mercati ed in tutti i canali distributivi in cui opera. Ruffini si è poi detto fiducioso che il 2016 vedrà un crescita dei nostri risultati.

QUALE FUTURO PER IL LUSSO MADE IN ITALY?A fronte di un +9,7% nelle vendite segnato nel 2015, il dato 2016 parla appena di un +4,4% con un calo netto anche della redditività. I gruppi italiani infatti segnano una crescita di appena l’1,5% a 22,1 miliardi rispetto alla doppia cifra dell’anno passato (11,5%). una brutta notizia a metà.

(dell’inviata Alessandra Magliaro)Notte di glamour a Cannes: la premiere con la Montee des Marches di Twin Peaks di David Lynch al ritorno dopo 25 anni, quella di Good Time dei fratelli Safdie con Robert Pattinson e poi via tutti all’Eden Rock a Cap d’Antibes per il rito annuale dell’amfAR, il gala charity del cinema contro l’Aids che da ben 24 anni è uno degli eventi più attesi. Quest’anno tra i battitori d’asta per la raccolta fondi saranno tra gli altri Nicole Kidman, David Lynch e il presidente della giuria che assegnerà la Palma d’oro Pedro Almodovar. E poi ancora Jessica Chastain, Dustin e Lisa Hoffman, Diane Kruger, Vanessa Redgrave, Robert Pattinson (chissà a sorpresa anche Leonardo DiCaprio che non manca mai queste occasioni), Milla Jovovich, Eva Longoria, la giuria con il nostro Paolo Sorrentino e praticamente tutte le modelle, a cominciare da Irina Shayk e Emily Ratajkoski che stazionano da giorni a Cannes, animando feste, mostrandosi ai red carpet, elementi ormai irrinunciabili per tutto quello che di fashion, glamour, intrattenimento gira intorno al festival..

Il settimanale finanziario, dopo l di fusione tra Luxottica e la transalpina Essilor, punta il suo faro sulle aziende industriali, di cui secondo molto ne povero il listino. Ma secondo Milano Finanza in realt le quotate di dimensioni medio grandi con buoni margini ci sarebbero e gli investitori dovrebbero scoprirle. Il settimanale ha cos selezionato 45 societ industriali, scegliendo innanzitutto di analizzare soltanto le societ con capitalizzazione di almeno 200 milioni di euro e concentrandosi poi solo sulle societ che nel 2015 hanno registrato un margine di margine operativo lordo sul fatturato di almeno il 7%..

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Commenti recenti

    Archivi

    Categorie