Call: 0123456789 | Email: info@example.com

Moncler Lyon Sneaker


Giornata positiva anche per il Monte dei Paschi di Siena. Il titolo della banca toscana salito dello 0,44% a 0,1813 euro. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore la Fondazione MPS dovrebbe perfezionare entro la fine di marzo la cessione di una quota rilevante del capitale dell senese.

Decolla Banco BPM, con un importante progresso del 2,51%, dopo le rassicuranti indicazioni dell’Ad Castagna. Tonica Moncler che evidenzia un bel vantaggio dell’1,17%. Performance moderata per Unipol, che mostra un moderato rialzo dello 0,67%. Sembrava una follia, 10 anni fa. Ma e stata un’intuizione vincente, come lo fu, anno 1953, quella di Lionel Terray, leggenda dell’alpinismo (nel 1950 aveva fatto parte della spedizione che aveva conquistato la vetta dell’Annapurna, il primo ottomila violato dall’uomo), che una mattina d’inverno si mise a osservare le strane giacche imbottite indossate sopra la tuta per proteggersi dal freddo dagli operai della piccola azienda che l’amico Rene Ramillion aveva aperto nei pressi di Grenoble, a Monestier de Clermont (da cui il nome Moncler). Pochi mesi dopo quelle giacche, opportunamente rivisitate da Terray, presero la via dell’Himalaya.

A dirlo a voce alta allo stesso Ruffini, quando, luned 16, colui che ha ricreato il marchio Moncler non era ancora sul palcoscenico di Palazzo Mezzanotte, stato Marco De Benedetti, capo del fondo di investimento Carlyle, azionista di Moncler, che porta a casa una enorme plusvalenza. Sicuramente il pi esperto della compagnia, De Benedetti ha detto letteralmente: Remo, ti ricordi?, due anni fa eri arrabbiato con me perch ti avevo bloccato la quotazione in borsa su valori di 1 miliardo di euro. La sottoscrizione avvenuta con una valutazione pi che doppia e ora, dopo il primo prezzo, la societ vale 3,6 miliardi.

Il titolo Moncler è andato nella giornata di ieri a segnare una performance positiva con un rialzo della quotazione del 2,05%. La salita è andata a compensare la giornata precedente,in cui il titolo era andato a scendere del 1,73%,andando a testare l’area chiave di supporto a 12,5 centesimi per azione. Se analizziamo queste due giornate abbiamo un segnale di price action rialzista,che potrebbe portare il titolo a testare nuovamente l’area di resistenza a 13,4.

Ed è probabilmente questo, il tempo, la troppo lunga anticamera per l’Europa, il limbo in cui la regione è parcheggiata, il fattore più destabilizzante per i Balcani. Insomma, l’Italia deve prendere sul serio, anche in chiave rigorosamente europeista (e già la cosa assume un tono più politicamente corretto), la funzione economica e geopolitica che le deriva dal retaggio storico, dalla geografia e dagli interessi Non solo economici: la rotta del flusso migratorio potrebbe saturarsi e c’è chi paventa, se ciò accadesse, la deviazione verso Italia. Intanto l’Austria sta chiudendo la frontiera con la Slovenia, e forse anche noi, aggiungo io, dovremmo inventarci qualcosa in quel senso (un’operazione di “polizia internazionale”, una “missione di pace”, una nuovaOperazione Pellicano, qualcosa insomma).

Have any Question or Comment?

Lascia un commento