Call: 0123456789 | Email: info@example.com

Moncler Junior Jackets


NAPOLI Qualcuno ci aveva comprato i primi regali di Natae. Molti altri avevano acquistao per se stessi. Convinti di aver realizzato un ottimo affare rifaendosi il guardaroba con tutti capi griffatissimi. In comune abbiamo la grande affinit nell al prodotto ed ai codici e valori di marchio: tutti elementi che ci permetteranno di affrontare con successo un mercato sempre pi sfidante. Siamo certi che il mondo femminile al quale ci rivolgeremo si arricchir di qualit con la nostra offerta di prodotto Per Maurizio Marcolin, Style Licensing Officer del Gruppo Pucci fu pioniere della moda italiana nel mondo, ed ancora oggi la Maison stupisce grazie all ed all delle proprie creazioni. Anche per questo motivo siamo entusiasti di intraprendere questa nuova e stimolante avventura.

Chiusura di ottava positiva per la piazza finanziaria milanese che conquista il podio di migliore in Europa, complice il forte calo dello spread che chiude a 172,63 punti base con un rendimento del 3,6%. Miste invece le Borse del Vecchio Continente, mentre gli indici a Wall Street si muovono deboli (il Dow Jones segna +0,01% e il Nasdaq cede lo 011% ora italiana). La delusione arrivata dall immobiliare Nahb, oggi gli operatori hanno potuto festeggiare le buone indicazioni arrivate dai dati sui nuovi cantieri edilizi (+13,2% mese su mese) e sulle nuove licenze edilizie (+8% mese su mese).

Ma è anche la testimonianza della sua capacità di tenere d’occhio l’instabile mercato del luxury. Siamo un marchio di lusso, ma non un fashion brand, sottolinea. Non cerchiamo di cambiare volto ogni stagione. Tono interlocutorio per Piazza Affari questa mattina dove l’indice FTSE Mib è schiacciato a ridosso del supporto statico a 19.400 punti. A mantenere sopra la parità l’indice domestico non bastano le performance brillanti del settore moda e di quello del risparmio gestito.Grandi acquisti diretti sul settore moda e lusso. Fuori dal listino principale Tod’s avanza del 10,61% a 67,25 euro, sui massimi dal marzo dello scorso anno.

Ed ecco allora la zampata di re Giorgio che martedì 17 gennaio prima della sua sfilata per la prima linea Giorgio Armani alle 12 apre il suo Teatro di via Bergognone ad una sfilata collettiva di tre giovani talenti, Moto Guo dalla Malesia, Consistence da Cina/Taiwan e Yoshio Kubo dal Giappone. Un sostegno concreto e generoso al talento Internazionale, iniziato già negli anni scorsi con l’impegno di Armani di ospitare nel suo Teatro realizzato con Tadao Ando un giovane creativo e ora divenuta passerella collettiva in collaborazione con Camera Nazionale della Moda Italiana. Forse per questo tris di stilisti Giorgio deve aver ripensato ai suo inizi nella Sala Bianca di Palazzo Pitti: era il 1974, lui iniziava a farsi ben conoscere per il suo tocco magico, aveva 42 anni e nella collettiva di quei giorni lontani disegnava per Montedoro, Sicons e Tendresse..

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Commenti recenti

    Archivi

    Categorie